Rassegna stampa "Il desiderio segreto dei fossili"

Ecco un primo sguardo sulla risposta critica al nostro ultimo lavoro, "Il desiderio segreto dei fossili".

“Il desiderio segreto dei fossili” è un piccolo gioiello di scrittura, tutto sul filo dell'ironia ma soprattutto dell’intelligenza.

Tommaso Chimenti, Recensito

Uno dei migliori spettacoli visti in questa estate di festival (...) Tra leggerezza e ironia, Francesco d’Amore e Luciana Maniaci imperlano la scrittura di stoccate raggelanti, corrosive, nerissime. Uno spettacolo affilato, profondo, divertente, estrosamente intelligente, dalla drammaturgia finalmente universale, in grado cioè di richiamare temi sociali senza inseguirli retoricamente e al tempo stesso di inventare una cornice fiabesca dal retrogusto amaro degna di Scaldati

Giulio Sonno, Paper Street

“Il desiderio segreto dei fossili" è di fatto una distopia comica che usa i mezzi poverissimi del teatro per allestire una drammaturgia intrecciata attorno a simboli e questioni universali, ma soprattutto in grado di creare un immaginario vivo per quanto strampalato. (...) In un proliferare di battute taglienti e ben sagomate sull’assurdo paesaggio disegnato dalla drammaturgia il testo scorre affrontando temi capitali; al centro c’è la maternità, che svela il senso del sacro nell’epifania finale: la realtà entra nella finzione cortocircuitando le emozioni del pubblico...

Andrea Pocosgnich, Teatro&Critica

Di alto tenore poetico, oscilla tra paura e desiderio, questa favola delicata e divertente, dura come la vita.

Mariateresa Surianello, Il Manifesto

Parole dette con il cuore che batte, anziché con la lingua che mente, rappresentano "Il desiderio segreto dei fossili" di Maniaci d’Amore. Un gioco a incastro tra teatro e televisione, un labirinto tra realtà e finzione in cui Francesco d’Amore, Luciana Maniaci e David Meden, affrontano con poetica e sferzante ironia dell’assurdo l’immobilità tanto del nostro Sud (e dell’Italia in generale) quanto della nostra scena teatrale contemporanea.

Matteo Brighenti, Pane Acqua Culture

Vero/falso, realtà/televisione, tradizione/novità, femminile/maschile sono alcune delle dicotomie affrontate dai tre interpreti, molto giovani ma già molto maturi, in uno spettacolo divertente, a tratti esilarante, ma complesso e fecondo. Far ridere con intelligenza e senza essere scontati, ecco la sfida che la compagnia Maniaci d’Amore riesce a vincere.

Alfredo Sgarlato, Albengacorsara

Featured Posts
Recent Posts
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic
Search By Tags
Follow Us

​© 2015 Maniaci d'Amore  

  • Facebook Clean
  • Twitter Clean
  • Instagram Clean
  • MESSENGER
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now