laboratorio di STORYTELLING E SCRITTURA AUTOBIOGRAFICA

 

Scrivere di sé è sempre un modo per rintracciare un filo rosso nella propria esperienza di vita. Per alcune persone questo filo è confuso, o invisibile, altre volte smarrito o aggrovigliato.

    Gli esercizi di scrittura di questo laboratorio conducono a concentrarsi su ciò che è essenziale nei propri ricordi, a mettere ordine e a definire i contorni del proprio vissuto.

    I conduttori, Luciana Maniaci (psicoterapeuta) e Francesco d’Amore (editor) sono diplomati al master di scrittura Scuola Holden di Torino.

    Il punto di partenza sono domande neutre che permettano di recuperare e condividere con il gruppo di lavoro esperienze e memorie: Qual è la prima cosa che ricordi?; Racconta un luogo che parla di te; Come ti immagini tra 10 anni?
     I partecipanti sono quindi invitati alla stesura del loro racconto, avvalendosi delle tecniche dello storytelling, tenendo conto del punto di vista e delle azioni dei personaggi, con attenzione sia al quadro generale sia al dettaglio rivelatore.
      Dove si annida il senso della storia? Qual è la connessione tra l’inizio e la fine, la parabola che compie il personaggio? Quale cambiamento avviene, dando al  lettore il brivido di un’illuminazione?

     Nella parte finale del laboratorio è previsto un momento di restituzione biblioterapica. Leggendo i grandi della letteratura risulta presto evidente l’importanza della narrazione di sé. Se il particolare diventa universale è dunque condiviso e condivisibile. 

   "Il filo rosso" è un percorso di scrittura e cura di sé attraverso la ricerca della bellezza, la forza identitaria, la connessione con gli altri e col mondo.

Organizzazione

Il laboratorio conosce varie forme e durate.

Due sono i format di base: quello intensivo (un weekend, tre appuntamenti di tre-quattro ore l'uno) e quello di 6 incontri (uno alla settimana per un mese e mezzo, 3 ore a incontro) 

E ' rivolto a persone dai 18 ai 60 anni.

laboratorio di TEATRO

 

“Per finta per davvero” è un corso di teatro per principianti e no. Un laboratorio per chi ha sempre cercato uno strumento per sentirsi più a suo agio in pubblico, per padroneggiare la propria voce, per disinibirsi e per mettersi in gioco come attore... Ma è anche un'esperienza utile per chi già lavora nel teatro e vuole aggiungere nel proprio percorso il lavoro con la compagnia Maniaci d'Amore.

THREE STEPS


Il primo passo da fare è attivare l'attenzione. Molto spesso la timidezza o l'ansia in pubblico derivano dal fatto che non siamo presenti, che non ci accorgiamo di ciò che ci accade intorno, siamo troppo immersi nelle nostre preoccupazioni. Tutto questo si può superare attraverso dei giochi teatrali, divertenti ma anche molto precisi. Giochi di movimento, di imitazione, di improvvisazione.

Il secondo passo riguarda la voce e da qui, il dialogo. Il modo migliore per far sentire la propria voce è dirigerla bene. Lanciare il proprio messaggio verso un obiettivo specifico. Bisogna sapere dove la si vuole mandare, calibrare bene il lancio. Nella vita come in scena, è tutta una questione di azione e reazione. Io ti offro una cosa, e tu la prendi. Io ti attacco e tu ti difendi. Io faccio una battuta e tu ridi. Imparare ad ascoltare aiuta poi a rispondere: se abbiamo sentito davvero ciò che dice l'altro, dire la cosa sbagliata è impossibile. 

Ma io chi sono? Stare in scena, fare un lavoro sul personaggio, aiuta anche ad approfondire la conoscenza di noi stessi. Quali sono i punti di forza di questo ruolo che sto interpretando? E di me stesso? Un bravo attore è sempre consapevole della propria verità. 

Il nostro laboratorio è insieme serissimo e divertente. E' basato su esercizi mirati, pratiche sceniche e piccole improvvisazioni che sono utili per quando si sta su un palco ma anche nella vita di ogni giorno. Perché a teatro impariamo l'unica regola per essere davvero noi stessi: “tenersi forte e lasciarsi andare dolcemente”.

Giocando e lavorando sodo. Con leggerezza e con metodo. Per finta e per davvero.

Organizzazione

Il laboratorio conosce varie forme e durate.

Due sono i format di base: quello intensivo (un weekend, tre appuntamenti di tre-quattro ore l'uno) e quello di 6 incontri (uno alla settimana per un mese e mezzo, 3 ore a incontro) 

E ' rivolto a persone dai 18 ai 60 anni.

​© 2015 Maniaci d'Amore   Via Saluzzo 44, Torino   P.IVA 11133230018

  • Facebook Clean
  • Twitter Clean
  • Instagram Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now